Statuto Zingaro

Diamo giustamente maggiore visibilità allo Statuto e soprattutto un ringraziamento a colui che lo ha scritto.

STATUTO ZINGARO
TITOLO I. PRINCIPI FONDAMENTALI

Articolo 1. Costituzione: Gli Zingari, nell’esercizio del proprio potere sovrano e demogratio, si autocostituiscono come “Banda o Gruppo” e accettano come vincolanti in perpetuum le disposizioni promulgate nel presente Statuto.
Articolo 2. Composizione: Agli effetti del presente Statuto gli Zingari sono (in rigoroso ordine alfabetico): Bittissimo (o Baluba), Dere (o Dele), Erigo (o Rove), Muro (o Ometto), Parrucca (o Asciano), Puglia (o Puglia), Tatone (o Fiammata), Tozzo (o Effettogel) e Vaffanson (o Larry). Non esistono altre condizioni oltre quella (permanente) di Zingaro e quelle di “Mastro Zingaro” (temporanea) e “Zingaro Latente” (eventuale). L’incorporazione di nuovi Zingari dovrà essere decisa per unanimità e ratificata pubblicamente da tutta la “Banda o Gruppo” davanti alla porta del Bar Mauro. Non si prende in considerazione la decadenza da tale condizione: chi è stato Zingaro una volta sarà sempre Zingaro .
Articolo 3. Scopo: Lo Statuto Zingaro riconosce come scopo essenziale delle presenti norme la definizione delle regole afferenti al disegno delle c.d. Zingarate. Pertanto, a tal fine non risulta necessario inserire un catalogo autonomo di diritti e doveri degli Zingari.
Articolo 4. Oggetto: Agli effetti del presente Statuto deve intendersi per Zingarata ogni inziativa che includa almeno una notte in cui non meno di quattro Zingari dormano assieme nel territorio di una provincia ove nessuno di essi risieda abitualmente, fatto salvo quanto eventualmente disposto in futuro sulle “Zingarate km 0”.
Articolo 5. Funzionamento: Nei casi in cui non sia espressamente prevista una maggioranza diversa, le decisioni della “Banda o Gruppo” saranno adottate a maggioranza semplice. Le deliberazioni dovranno svolgersi sul gruppo di uozzappe. Per le eventuali modifiche del presente Statuto, una volta entrato in vigore, sarà necessaria una maggioranza dei due terzi della “Banda o Gruppo”.
TITOLO II. PRINCIPI OPERATIVI

Articolo 6. La meta e il calendario della Zingarata verranno proposti a turno da uno Zingaro mediante un principio di rotazione da applicare in conformità alle regole previste nel presente Statuto.
Articolo 7. Non più di nove mesi dopo l’ultima e non prima di tre mesi dalla scelta della successiva Zingarata verrà celebrato un acchito in luogo da stabilire. Mese e anno dell’acchito dovranno essere proposti da almeno cinque Zingari. La convocazione definitiva dell’acchito sarà approvata mediante unanimità presenziale o virtuale, richiederà il nulla osta degli Zingari residenti all’estero e prevederà un gettone di veto per ogni acchito da parte degli Zingari residenti al di fuori della provincia di Pisa. Se dopo tre mesi dalla prima proposta di convocazione non si è giunti a una decisione unanime riguardo alla data, l’acchito sarà valido se vi partecipano almeno sette Zingari.
Articolo 8. Lo Zingaro che vince l’acchito sarà nominato “Mastro Zingaro” e ricoprirà tale carica fino al termine della Zingarata da lui scelta. Il Mastro Zingaro proporrà agli Zingari il calendario e la sede della Zingarata nascitura entro tre mesi a contare dalla data dell’acchito .
Articolo 9. Una volta pervenuta la proposta a tutti gli Zingari –varrà a tal fine il double check del uozzappe– si aprirà ufficialmente il periodo di “pre-Zingarata” che si protrarrà fino a trenta giorni prima della data iniziale di proposta di Zingarata. La proposta iniziale di Mastro Zingaro potrà essere respinta dai due terzi della “Banda o Gruppo” entro venti giorni dalla notificazione della proposta iniziale. È possibile cassare con la stessa maggioranza una seconda proposta, entro gli stessi termini della prima, presentando una proposta alternativa e condivisa. La terza proposta di Mastro Zingaro non è cassabile ma se non ottiene l’adesione di almeno quattro zingari il proponente decadrà dalla condizione di Mastro Zingaro.
Articolo 10. Ai fini di quanto previsto dall’articolo 9 sono scorporabili la meta e il calendario della Zingarata, potendosi così produrre la decisione definitiva su una delle due voci in forma indipendente dall’altra.
Articolo 11. Una volta terminata la Zingarata –o una volta perduta la condizione di Masstro Zingaro– si applicheranno le disposizioni previste nell’articolo 7 con l’unica differenza che l’ultimo Mastro Zingaro non parteciperà all’acchito successivo e così via fino all’acchito in cui gli ultimi due zingari rimasti si giocheranno l’ordine delle due ultime Zingarate del ciclo.
Articolo 12. Terminato un ciclo completo di Zingarate verranno riapplicate le regole contenute negli articoli 6 e ss. (ma s’avrà già 60 anni…).
TITOLO III. SANZIONI

Articolo 13. Lo Zingaro che non partecipa ad una Zingarata non potrà partecipare all’acchito successivo.
Articolo 14. Lo Zingaro che non partecipa a due Zingarate consecutive non potrà partecipare ai due acchiti successivi né potrà opporre osta o veti durante la pre-Zingarata seguente all’ultima Zingara a cui non ha partecipato.
Articolo 15. Lo Zingaro che non partecipa a tre Zingarate consecutive acquisisce la condizione di “Zingaro Latente”: conterà a effeti di quorum ma perde ogni diritto di voto, veto e proposta. Nella prima Zingarata a cui ripartecipa dovrà offrire un giro di Gin Hendricks o affini a tutti gli Zingari.
TITOLO IV. DISPOSIZIONI TRANSITORIE

I. La presente proposta di Statuto dovrà essere pubblicata dallo zingaro proponente sul gruppo di uozzappe “Zingari”. Dal giorno successivo alla pubblicazione decorrerà un termine di trenta giorni per presentare emendamenti e modifiche al testo pubblicato.
II. Gli emendamenti e le modifiche potranno essere proposte individualmente o da cordate di zingari (nel qual caso dovranno riportare i nomi degli zingari firmatari).
III. Tutte le proposte di modifica del presente Statuto dovranno essere realizzate tramite uozzappe o, laddove ve ne siano le condizioni, presenzialmente. In tal caso, ogni proposta formulata presenzialmente da una pluralità di zingari dovrà essere notificata sul gruppo di uozzappe per poter essere considerata ufficiale..
IV. Decorso il termine di cui alla I Disposizione Transitoria, lo zingaro proponente sottometterà a votazione il testo della nuova proposta di Statuto articolo per articolo (con le eventuali proposte di modifica alternative).
V. Le decisioni relative all’approvazione dei singoli articoli saranno adottate a maggioranza assoluta.
VI. Terminata la votazione dell’articolato si dovrà procedere, entro i cinque giorni lavorativi seguenti al giorno successivo alla votazione dell’ultimo articolo, all’approvazione finale dello Statuto definitivo.
VII. L’approvazione dello Statuto definitivo richiederà la maggioranza qualificata dei due terzi degli aventi diritto.
VIII. Le norme di questo Statuto entreranno in vigore il giorno successivo alla sua approvazione definitiva.
IX. Lo Statuto definitivo approvato dalla “Banda o Gruppo” sarà pubblicato su http:\\www.ilnomedelperozzi.com (se va ancora altrimenti un importa).
X. Ai fini di quanto previsto nell’articolo 7, i termini relativi alla convocazione della prima Zingarata sulla base delle norme del presente Statuto decorrono dal giorno della sua entrata in vigore.

Previous Post
Leave a comment

1 Comment

  1. Tatone

     /  17 ottobre 2017

    bravo Vaffanson, non l’avevo visto ma è proprio un bello statuto. Si vede chiaramente che l’autore è un fine giurista, oltre che un bel topone

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *