Nuova comunicazione di servizio

Veronica mi sta (c)attivamente impedendo di postare un nuovo racconto dei miei mirabolanti viaggi a Varhouse, di cui voi andate (giustamente) pazzi.  Sarebbe stato il giusto corollario a questa mia nuova comunicazione di servizio:

codesta mattina (mi son svegliato) mi hanno chiamato per convocarmi a Milano lunedì. Così almeno, in tempi brevi, saprò qualcosa del mio destino prossimo venturo. Il morale non è alle stelle, ma spero di riuscire ad arrivare alla prossima settimana senza dare di barta.

E’ gradito qualsiasi tipo di incoraggiamento, cornetti, quella specie di manina che si compra solo ad Oviedo, ferro di cavallo ed una serie di novene dedicate al mio prossimo destino.

Per il momento sono affranto e ringraziate Veronica che non metto un nuovo viaggio.

Se non mettete almeno 5 commenti lo metterò.

Scrivete, razza di pelandroni.

Previous Post
Leave a comment

10 Comments

  1. tatone

     /  15 giugno 2007

    f

    Rispondi
  2. tatone

     /  15 giugno 2007

    a

    Rispondi
  3. tatone

     /  15 giugno 2007

    t

    Rispondi
  4. tatone

     /  15 giugno 2007

    to

    Rispondi
  5. tatone

     /  15 giugno 2007

    !

    Rispondi
  6. vaffansons

     /  15 giugno 2007

    così non vale. Voglio almeno altre quattro persone e soprattutto parole di conforto.

    Rispondi
  7. tatone

     /  15 giugno 2007

    a parte l’ingegnoso scherzetto sappi che qui a Oviedo ci siamo muniti tutti (in questo momento siamo 4 italiani più María in casa) di manina di azabache per fare tutti gli scongiuri del caso in vista della tua prossima visita a Milano

    Rispondi
  8. DERE

     /  16 giugno 2007

    NEL MALE PEGGIORE DAREMO BATTAGLIA A COGEST CONOSCO AVVOCATI… E POI HO UN CONTO IN SOSPESO CON QUEI CIARTRONI

    Rispondi
  9. puglia

     /  16 giugno 2007

    forza vaffansons!!
    siamo tutti con te.
    intanto però inizia a manda’ quarche curriculum in giro, non si sa mai…..

    Rispondi
  10. parrucca

     /  18 giugno 2007

    Io un c’ho altre “manine” che le mie, quindi me le pongo entrambe sugli zebedei e tiro un rosario di moccoli propiziatori.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *